Esercitazione: I MIEI 13 ANNI

Cari ragazzi e cari genitori, vi ringraziamo delle immagini che ci avete mandato, tutte stimolanti e affascinanti. Dai materiali che ci avete fornito, abbiamo capito quanto sia stato bello e interessante scambiarvi le informazioni sulla vostra adolescenza. Qui sotto troverete riprodotte tutte le vostre immagini. In ogni pagina scoprirete le rappresentazioni scelte da voi ragazzi e dai vostri genitori raccolte insieme accompagnate dal vostro commento. In più di una situazione sono stati scelti gli stessi oggetti. In questi casi è stata operata una sintesi fra le varie spiegazioni degli oggetti individuati. Le immagini sono state inserite senza un riferimento alla propria famiglia o alla scuola.

xx
FIGLIO

Imm_F_1

Secondo me il tornado è quello che rappresenta meglio i miei 13 anni. un miscuglio di cambiamenti, di emozioni, di fatti che mi hanno cambiato o influenzato nel profondo. i miei 13 anni sono stati un’età importante della mia vita.

  PADRE

Imm_G_1
Quando ripenso ai miei 13 anni mi vengono in mente le due facce di quel periodo: ho avuto un’infanzia felice, con gli amici, i giochi, la libertà; ma, d’altra parte, c’era la lontananza dai miei genitori, la loro mancanza e la tristezza della diversità.

     
FIGLIO
Imm_F_2

“il mio più caro amico/nemico”. Per me questo oggetto rappresenta un mondo completamente diverso da quello reale: la possibilità di scambiarsi idee, consigli e commenti senza vedersi è il nostro nuovo modo di relazionarci. Purtroppo a volte è una dipendenza eccessiva.

  PADRE
Imm_G_2

Questo oggetto mi ha accompagnato per molti anni nella mia adolescenza ed ha caratterizzato anche il mio modo di essere e di rapportarmi con gli amici.

     
FIGLIO
Imm_F_3
Ho scelto questo oggetto poiché mi ha accompagnato da prima dei miei tredici anni fino a questi ultimi, e ancora oggi, mutando nel tempo il suo significato, ma rimanendo sempre, per me, un rifugio spirituale dalla cruda realtà e una mensa per la mia mente che mai ha rifiutato di rifocillarmi.
  MADRE
Imm_G_3

La bicicletta rappresenta i miei primi giri in bicicletta senza genitori in modo autonomo.

     
FIGLIA
Imm_F_4
Rappresentano la mia seconda famiglia, con loro ho passato molti momenti sia belli che brutti, posso dire di aver condiviso i miei tredici anni con loro oltre che averli passati in ospedale, in piscina, a scuola e aver fatto nuove amicizie.
  MADRE
Imm_G_4
Rappresenta un legame affettivo, la mia infanzia lasciata per poi ritrovarmi nell’adolescenza. Ho trascorso i miei tredici anni felice della mia famiglia, vivevo in serenità le nuove amicizie pensando di scoprire nuovi mondi.
FIGLIA
Imm_G_5
Il simbolo dei miei tredici anni è il mio diario. Ho scelto questo oggetto perché è qui che scrivo quello che mi succede, i miei pensieri e i miei stati d’animo. Questo oggetto per me rappresenta un modo per sfogarmi senza essere giudicata.
  MADRE
Imm_G_5
La mia “valvola” di sfogo. In età adolescenziale infatti, non confidavo a nessuno i miei segreti ed i miei pensieri. Sentivo però l’esigenza di buttare fuori quanto mi animava sentimentalmente perché se lo avessi tenuto dentro mi avrebbe fatto stare male.
FIGLIO
Imm_F_6
Mp4. Ho scelto questo oggetto perché la musica rappresenta un modo di espressione che riesce a darmi una maniera per sfogarmi.
  PADRE
Imm_G_6
Ho scelto questo oggetto perché è rimasto per me come un ricordo vivo della spensieratezza e dei momenti felici della mia adolescenza.
FIGLIA
Imm_F_7
E’ stato uno dei primi regali che ho avuto, ero ancora nella culla, me lo portarono i miei nonni. Era sempre vicino a me. Quando piangevo, quando ridevo, ero sempre attaccata a lui ed avevo l’impressione che mi ascoltasse e mi capisse. Una sensazione che ho anche oggi.
  MADRE
Imm_G_7
Fufi. E’ un ricordo legato non alla mia adolescenza, spensierata e felice, ma alla mia infanzia: quando avevo quattro anni la mia famiglia è stata costretta per motivi politici ad abbandonare il paese di nascita per ritornare al paese di origine cioè l’Italia. Questa esercitazione è stata l’occasione per raccontare a mia figlia di questa esperienza.
FIGLIA
Imm_F_8
Ho scelto questo strumento come oggetto, perché amo la musica. Mi rendono felice gli apprezzamenti di chi mi ascolta. Per me rappresenta una passione e uno sfogo.
  MADRE
Imm_G_9
Il registratore. Per me rappresenta il mio maggior passatempo perché lo usavo per registrare le sigle preferite della TV. 
     
FIGLIO
Imm_F_9
Io ho scelto una foto dove è rappresentata tutta la mia famiglia e anche tutti i miei amici (che erano li per la festa dei miei 13 anni). Il titolo che darei è: una giornata fantastica.
  PADRE
Imm_G_8
il ricordo del mio passatempo preferito: io e i miei amici costruivamo con la sabbia e l’acqua delle gallerie dentro le quali facevamo scorrere le biglie.
     
FIGLIA
Imm_F_10
ho scelto come oggetto un vecchio libro di favole e fiabe, regalatomi dai miei genitori quando avevo appena tre anni che intitolo “Un ‘occhio nel futuro”. I miei tredici anni di vita son stati come un giro sulle montagne russe: a volte mi sono sentita invincibile in altre ho avuto come l’impressione di stare tre metri sotto terra, ma i momenti felici passati con i miei amici e con la mia famiglia sono molti di più che quelli di solitudine e tristezza.
  MADRE
Imm_G_10
Ho scelto un oggetto che ho ancora oggi cioè una spilla che nel giorno dei miei 13 anni mi ha regalato mia nonna: era venuta solo per me solo per il mio compleanno.
     
FIGLIA
Imm_F_11
è un iPod shuffle. Il valore di questo oggetto per me non sta tanto nella sua funzione e nelle sue caratteristiche proprie, ma soprattutto nel suo valore simbolico, ovvero quello di un premio di scrittura.
  PADRE
Imm_G_11
ho scelto un giubbotto in pelle che mi ha regalato mio padre per i miei 13 anni. Per me rappresenta il coraggio e la forza che mio padre mi ha trasmesso con quel giubbotto.
FIGLIA
Imm_F_12
Questo braccialetto mi è stato regalato dalla mia nonna quest’estate, ed io ho sempre avuto un rapporto speciale con lei. In autunno la mia cara nonnina è morta. Darei questo titolo al braccialetto: “Il cerchio della vita”.
  MADRE
Imm_G_12
Come oggetto ho scelto una bambola di pezza che mi era stata regalata da mia madre prima che morisse. I mie tredici anni sono stati molto felici, quando però mia mamma mancò, mi cadde la terra sotto i piedi e io, essendo l’unica donna di famiglia rimasta, mi dovetti prendere cura di mio  fratello minore e di tutta la casa.
     
FIGLIO
Imm_F_13
Il mio pallone da calcio: un qualcosa che mi appartiene, la cosa con cui “condivido” la maggior parte del mio tempo libero.
Mi fa tornare a mente l’estate, i momenti felici e anche quelli più sofferti. Con lui ho assaporato il dolce gusto della vittoria, e anche ad accettare le sconfitte.
  PADRE
Imm_F_13
Ogni volta che ci penso faccio una sorta di viaggio nel tempo ricordando tutti i momenti felici trascorsi con il mio pallone da calcio giocando in allegria con i miei amici. Il calcio per me rappresenta anche una sorta di vittoria personale, uno sfogo interno.
     
FIGLIA
Imm_F_14
I miei 13 anni sono rappresentati da una collana fatta di letterine con i nomi della nostra famiglia, che mi fu regalata dalla nonna Maria nella mia infanzia. Tutt’ora ho dei bei ricordi da tenermi e conservarli nel mio cuore per essere consapevole che non sono mai stata abbandonata.
  MADRE
Imm_G_14
A tredici anni mi piaceva leggere. Uno dei libri a cui sono ancor oggi affezionata è il libro “Cuore” scritto da Edmondo de Amicis. È un libro che dovrebbero leggere tutti perché da un grande insegnamento morale e a me ha fatto molto riflettere. Mi ha insegnato ad apprezzare quello che già avevo, senza lamentarmi o chiedere di più.
      
FIGLIA
Imm_F_15
Questi occhialini mi ricordano sia gli allenamenti faticosi della mattina sia i pomeriggi d’estate passati con i miei amici di nuoto a divertirci.
  MADRE
Imm_G_15
Un oggetto che può rappresentare i miei 13 anni è lo skateboard. Ricordo di aver passato interi pomeriggi a correre in strada con lo skateboard, diventando ogni giorno più brava e spericolata.
     
FIGLIA
Imm_F_16
Gli One Direction per me rappresentano la felicità che mi hanno procurato,ma anche la tristezza per non averli visti. I miei 13 anni sono stati un mix di emozioni e delusioni.
  MADRE
Imm_G_16
Questo libro rappresenta la mia adolescenza, caratterizzata dal bisogno di trovare sempre una risposta ” troppo saggia ” alle domande che continuamente mi ponevo.
     
FIGLIO
Imm_F_17
Ho scelto la palla da rugby perché è la mia passione. L’oggetto per me rappresenta felicità e gioia.
  PADRE
Imm_G_17
Ho scelto questo oggetto perché mi ricorda dei bellissimi momenti passati con i miei vecchi amici di un tempo. Ricordo ancora il profumo dell’erba dei campi vicini, le numerose corse negli argini,le sere passate in compagnia col sole rispecchiato sull’acqua al tramonto.
     
FIGLIA
Imm_F_18
Ho scelto gli sci perché sono molto importanti in questo momento. Rappresentano un mezzo di svago e nello stesso tempo imparo bene uno sport che mi piace moltissimo. I miei tredici anni per me sono anni felici ma anche impegnativi.
  MADRE
Imm_G_18
Un costume da bagno perché facevo nuoto e il costume ha trascorso con me i momenti più belli delle vittorie ma anche quelli più brutti delle sconfitte.
     
FIGLIA
Imm_F_19
Questo libro mi è stato regalato l’anno scorso a Natale dai miei genitori, Questo libro autobiografico mi ha fatto conoscere molti aspetti, anche sconosciuti, del cantante, facendomi perciò meravigliare e affascinare allo stesso tempo.
  MADRE
Imm_G_19
Amavo molto leggere i fotoromanzi. Li leggevo sempre e rappresentano per me amore, sogni e speranze.
     
FIGLIO
Imm_F_20L
a bmx mi sembra la cosa che meglio rispecchiava i miei 13 anni; rappresentava una sotto specie di indipendenza che mi ha molto divertito, sopratutto durante il periodo estivo.
  PADRE
Imm_G_20
L’oggetto scelto è una bici che veniva chiamata bicicross. Questo oggetto rappresentava per me la libertà e l’indipendenza in quanto potevo spostarmi quando volevo.
     
FIGLIO
Imm_F_21
Ho scelto questo oggetto perché l’ho ricevuto come regalo di compleanno. I miei tredici anni sono stati molto brevi. Sono trascorsi velocemente e non mi sono quasi accorto di tale fenomeno. Non ho avuto eventi così spiacevoli o troppo piacevoli che voglio ricordare, ma anzi li ricorderei per la loro velocità nel trascorrere.
  MADRE
Imm_G_21
Ho scelto i pattini a rotelle perché per me è stato il regalo più bello che abbia mai ricevuto in quanto potevo andare liberamente per le stradine attorno a casa a fare le corse.
     
FIGLIA
Imm_F_22
Ho scelto il cd di Katy Perry perché la sua forza di volontà e il suo carattere mi aiutano quando mi sento triste.
  MADRE
Imm_G_22
Ho scelto il disco di Eros Ramazzotti perché la sua musica mi ha accompagnato nei miei 13 anni. Le sue parole rappresentavamo un conforto nei momenti più brutti.
     
FIGLIO
Imm_F_23
Ho scelto la collanina d’oro con medaglietta con immagine di S. Pietro. Questo oggetto mi rappresenta in un certo modo: la mia crescita dato che sto cambiando e sto diventando un ragazzo responsabile.
  MADRE
Imm_G_23
Ho ancora vivo il ricordo del portagioie. Mi ha ccompagnata durante la mia adolescenza. Ricordo quando aprivo i cassettini e sceglievo braccialetti, collane, anellini, cavigliere secondo il mio stato d’animo.
     
FIGLIO
Imm_F_24
Ho scelto la mia vecchia centralina perché quando mi è arrivata sono stato molto entusiasta e mi ha permesso di fare da solo un bellissimo spettacolino pirotecnico per capodanno.
  PADRE
Imm_G_24
Questo oggetto rievoca in me bei ricordi di felicità e sopratutto è stata la mia prima chitarra. L’inizio di una lunga strada, ovviamente in salita, che ancora adesso continuo perché sono sempre pronto ad imparare.
     
PADRE
Imm_G_26
Le scarpe da ginnastica ” All Star ” di tela bianche o rosse , erano per me un oggetto simbolo per l’inizio della primavera. Inoltre rappresentavano uno status simbol di quegli anni per i ragazzi di 13 – 14 anni: possederle voleva dire “essere un grande”.
  MADRE
Imm_G_25
Ho scelto un maglione di lana rosso con una stella centrale fatto a mano dalla mia mamma. E’ legato ad un bellissimo ricordo : una festa di natale a scuola con compagni, professori e genitori. Per me sono stati anni molto belli, spensierati, frequentavo un’ottima scuola e con i compagni di classe eravamo molto affiatati.
     
PADRE
Imm_G_28
Questo oggetto mi ricorda uno dei regali più belli che ho ricevuto. Era un periodo che avevo voglia di crescere per andare dove volevo mentre il mio papà e la mia mamma erano ancora giovani.
  MADRE
Imm_G_27
Questo oggetto rappresenta un regalo molto importante ricevuto in occasione della Cresima. Da allora è iniziata la mia passione per la fotografia. Ogni momento della vita, più o meno importante, è immortalato da una foto.
     
PADRE
Imm_G_30
Ho scelto la bicicletta perché con essa ho trascorso la maggior parte dei miei anni di adolescente. Grazie a lei ho avuto la possibilità di scoprire luoghi diversi dalla mia casa, di misurarmi con il mondo circostanze, di provare senso di libertà ma anche di avere a che fare con le mie paure.
  MADRE
Imm_G_29
Ho scelto questo oggetto perché è un ricordo della mia cresima e della mia gioventù. La cosa che, all’epoca, desideravo di più al mondo: un sogno realizzato.
      
MADRE
Imm_G_32
Ho scelto quest’ oggetto perché era la prima volta che mia mamma mi comprava qualcosa “alla moda”.
  MADRE
Imm_G_31
Il ricordo più bello dei miei 13 anni è un paio di stivaletti rossi che a quel tempo andavano molto.
     
    MADRE
Imm_G_33
“La musica magica”. Mi ricordo che a 13 anni alla sera in camera mi piaceva molto ascoltare la musica, perché ascoltare musica mi faceva sognare, mi rilassava e mi teneva compagnia. Mi sembrava di rivivere tutti i momenti trascorsi con la mia famiglia in una vecchia casa.
     

 

#navigation .menu { float: left;}

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. LEGGI INFORMATIVA

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi