Esercitazione: I MIEI 13 ANNI

 

instangram

Figlia: l’immagine simbolo dei miei 13 anni  è Istagram, un social nettwork che utilizzo spesso nel mio tempo libero   per impostare foto con le amiche e parenti.

bici1

Madre: l’immagine che ho scelto è la mia bici che usavo molto quando avevo 13 anni , per andare a fare i compiti dalle mie amiche, e per portare mio fratello quando aveva 3 anni al campo,e a prendere un gelato.

 

cuffie

Figlio: Questo file è un’immagine di un paio di cuffie per ascoltare la musica. Credo che rappresenti un po’ tutti gli adolescenti, me di sicuro. Sono un oggetto che mi porto sempre con me e penso sia così per molti altri ragazzi e quindi suppongo sarebbe interessante vedere se altri miei coetanei condividono la mia opinione.

cuffie

Padre: Quando avevo 13 anni amavo ascoltare musica, era lo svago dei ragazzi. Penso sia curioso osservare che gli interessi che avevamo noi adolescenti in passato sono simili, in questo caso, a quelli degli adolescenti di oggi.

 

vulcano1

Figlia: ho scelto il vulcano perché mi rappresenta a pieno me e i miei tredici anni, un tumulto di emozioni che non riuscivo a gestire, che tenevo dentro e scoppiavano sotto forma di rabbia.

registratore audiocassette

Madre: Ho scelto la musica, che mi faceva divertire insieme ai miei amici, ma nei momenti critici mi aiutava quando non riuscivo a capire tutto ciò che stava cambiando in me.

 

Cremonini

Figlia: Ho scelto una canzone significativa per me, si intitola “vorrei” di Cesare Cremonini. L’ho scelta perché fin da piccola, per farmi addormentare, i miei genitori la mettevano nel lettore musicale o addirittura me la cantavano! A questo oggetto do il titolo di: LA MIA CANZONE. Per me rappresenta piccoli ricordi e segni d’affetto dai miei genitori. Sinceramente sono stata impressionata dalla scelta del’altro genitore. Abbiamo scelto lo stesso oggetto! Parlando insieme dei ricordi dell’infanzia, ci sono venuti in mente belli episodi. Ad esempio quando ho tirato fuori tutte le pentole e mi sono nascosta dentro un cassetto in cucina. Grazie a questa esercitazione, io e i miei genitori abbiamo tirato fuori, foto e video di quando ero piccola.

 bici donna con cestino

Madre: L’oggetto che ho scelto e che meglio di tutti rappresenta i miei 13 anni è la mia BICICLETTA. E’ un pezzo della mia storia e della mia adolescenza; mi è stata regalata da mia mamma e mio papà, per i miei appunto 13 anni: è azzurra e con un cestinello davanti. E’ ancora integra nonostante gli anni e l’ho portata con me a Vicenza per poter passeggiare con la mia famiglia. Il giorno in cui l’ho ricevuta sono stata la ragazza più felice del mondo perchè era tanto che desideravo quella bicicletta e non pensavo che i miei genitori me l’avrebbero comprata dal momento che costava un bel po’. Ricordo allegre passeggiate con le mie compagne in sella alla mia Bianchi; tornata da scuola facevo subito i compiti e poi uscivo…fuori mi aspettavano per giocare per strada a nascondino o a scalone. Ho avuto una bella infanzia ricca di amore, di unione, di serenità e piena di valori; ringrazio sempre di tutto questo la mia adorata famiglia.

 

chitarra

Francesca: Ho scelto la mia chitarra acustica perchè è l’oggetto che più mi rappresenta in questo periodo della mia vita. Mi aiuta ad esprimermi, mi fa divertire e mi impegno sempre nel cercare di migliorare e imparare nuove cose. Per me rappresenta una sfida, una passione, ma anche un modo per divertirsi e rilassarsi.

cellulare1

Giacomo: Il Cellulare per me è stato un oggetto di grande traguardo e di realizzazione dei miei sforzi. Infatti l’ ho avuto quando ho compiuto 13 anni.

mangiacassette

Genitore: Ho scelto il mangiacassette perché rappresenta la musica dei primi anni ’80, che mi ha accompagnato nelle mie esperienze.

 penna

Figlia: 

  • Ho scelto penna stilografica di colore blu che scrive in un modo del tutto speciale perché “è la mia compagna di studio”
  • Titolo: “io ho studiato tanto ma tu hai scritto di più” – rappresenta la scuola ed anche la mia passione per la bella scrittura e tutte le cose belle in generale
  • I miei 13 anni: preoccupazione per gli esami in particolare per l’orale perché temo di non riuscire a preparare e soprattutto esporre bene la tesina.

quaderno1

Madre:

  • Ho scelto il diario dei miei 13-16 anni perché per me è un tornare indietro nel tempo come un viaggio a rivivere un periodo molto impegnativo e felice della mia vita
  • Titolo dell’oggetto: Pampampo (nome dato al diario in memoria di Kitty di Anne Frank) – Rappresenta il periodo scolastico più felice della mia carriera (sintonia con i compagni e le compagne ed i professori)
  • Schitarrate, feste, ACR, studio e paura degli esami, paura di non essere all’altezza, timore/grandi speranze per il futuro, scaramucce con amiche.
 

PC

Figlio: L’oggetto che ho scelto è il computer ed è molto utile per i miei 13 anni per lo studio e anche per un buon futuro.

album

Padre: Ho scelto l’album fotografico perché nella mia adolescenza non esistevano tanti cellulari, social network e quindi i ricordi più belli dei miei 13 anni erano le foto con gli amici dove festeggiavamo compleanni, gite scolastiche e qualche scampagnata

 

 gatti rossi

Figlia: Perché: si fa coccolare, a lui posso dire tutto senza che mi critichi, è ribelle come me e quando lo chiami c’è quasi sempre. Si chiama Leo e rappresenta la libertà. I miei 13 anni: sono un salto enorme dal mondo dei bambini al mondo dei grandi, sono tanta voglia di scoprire me stessa, sono sfide continue e scelte da affrontare ma soprattutto sono tanta tanta voglia di vivere ogni secondo della vita. Dell’esposizione di mia mamma ho scoperto che abbiamo più cose in comune di quanto pensassi. Ascoltarla mi ha suscitato tenerezza e felicità

 gatti rossi

Madre: Perché: amavo tantissimo i gatti, in particolare quelli rossi, e trascorrevo parecchio tempo a cercarli e ad accarezzarli, ad accudirli e ad osservarli. A questa immagine darei il titolo di calore e per me rappresenta la vicinanza delle persone amate e la fiducia che ti sanno trasmettere; rappresenta anche la libertà e la sicurezza di sé. I miei 13 anni: ricordo l’impegno scolastico e familiare, la vita all’aria aperta, gli imbarazzi con i coetanei, l’impaccio con il mio corpo, i momenti di solitudine, la passione per la lettura. Dell’esposizione di mia figlia mi ha colpito la scelta dell’oggetto e cosa esso rappresenti, perché sono gli stessi che ho scelto io. Ascoltarla mi ha suscitato tenerezza e senso di protezione.

 
 Cucina

 

Figlia: la cucina.  Mi piace cucinare. È il mio passatempo preferito e credo che con il passare degli anni sia diventato una parte di me.

 Colori

Madre : il disegno. Disegnare a mia madre è sempre piaciuto molto, in quanto poteva esprimere i suoi sentimenti liberamente.

 Audio cassette

Padre : la musica. Per mio padre la musica era indispensabile e lo è tutt’oggi, dato che mio papà ha sempre accompagnato dei momenti della sua vita, fino ad oggi, con delle canzoni che per lui rappresentavano bene determinate situazioni vissute,sia positive che negative.

stereo

 Padre e figlio: Abbiamo scelto due immagini simbolo delle rispettive generazioni: genitori – figli ma che in entrambi i casi rappresentano il progresso, l’innovazione e la comunicazione.

samsung  

 esami-ap-ap1

Figlio: I miei 13 anni sono rappresentati dagli esami perché in questo momento per la mia testa passa solo questo argomento.

 

 

 

 

Genitore:  i miei 13 anni sono rappresentati da questa immagine perché mio papà era un camionista e mi sono appassionato talmente tanto che è diventato il mio lavoro.

 

 coperta

Figlio:  Ho scelto la coperta perché mi piace ed è molto interessante perché è un ricordo di un regalo di mio papà. Rappresenta il momento in cui ho scartato il regalo e sarà anche un bel ricordo per il futuro. In questo momento sto vivendo bei momenti felici (alcuni magari un po’ stressanti) ma è normale come tutti soprattutto tra la scuola e la pallavolo.

 pallone

Padre: Ho scelto il pallone perché ricorda tanti momenti felici con i miei amici, le corse nei prati, la delusione quando si bucava e la gioia di procurarne uno nuovo. Rappresenta la mia infanzia e l’inizio della adolescenza, momenti  irripetibili.

 

pallone pallavolo

Figlia: Ho scelto questo oggetto perché rappresenta una delle cose che mi piacciono di più. Darei il titolo Volley ball ball. Rappresenta uno sfogo e un divertimento. A 13 anni mi piaceva uscire e divertirmi con i miei amici, giocare all’aria aperta insieme alle mie cugine e agli animali domestici. Mi piaceva fare molto sport.

catenina d'oro

Madre: Ho scelto questo oggetto perché mi ricorda quando ho fatto la cresima a 13 anni. Rappresenta una bella giornata di festa quando era viva mia nonna e altri miei parenti che adesso non ci sono più. Nei miei 13 anni mi piaceva leggere, giocare, non sempre in compagnia e amavo fare sport con i miei amici, compagni di classe e di squadra. Ma mi piaceva anche stare in famiglia. A scuola andavo abbastanza bene.

 

pattini 

Figlia: Gli oggetti che ho scelto per questa attività sono i miei pattini perché il pattinaggio è la mia più grande passione, questo sport mi aiuta a distrarmi da altri pensieri e mi permette di fare nuove amicizie.
Il titolo che darei ai miei pattini è: “La mia vita”. I pattini rappresentano l’amore per questo sport e le soddisfazioni raggiunte ma anche le delusioni e gli sforzi.
A pattinaggio tutte le mie compagne sono gentili, simpatiche ed affe ttuose.
Sono molto felice di praticare questo sport perché mi aiuta a crescere serena e mi insegna ad affrontare con serenità molte sfide.

diario

Madre: Ho scelto questo oggetto come simbolo del legame che c’era tra me e la mia migliore amica. Ai nostri tempi non c’erano i telefonini per comunicare e così, quando eravamo ognuna a casa propria, affidavamo a questo diario i nostri pensieri. Quando poi ci incontravamo nuovamente ci scambiavamo il diario. Non era uno scambio di messaggi in tempo reale come siamo abituati a fare ora ma questo modo di comunicare ci dava molta gioia e ci faceva sentire vicine anche quando non lo eravamo.

 

 

 

 

 

Figlio: Io ho scelto come oggetto che rappresenta i miei 13 anni il tablet perchè è uno strumento che utilizzo tutti i giorni per molte cose.

 zaino

Padre: è’ uno zaino da montagna,che mi ricorda le indimenticabili camminate fatte in compagnia quando avevo 13 anni.

 

smartphone

Figlio: Ho scelto il cellulare perché è uno strumento di largo uso per la nostra età.  Un apparecchio utile. Rappresenta un collegamento con i miei amici, compagni, coetanei. Sto vivendo i miei 13 anni serenamente, assaporando la vita. 

 pallone pallavolo

Madre: Ho scelto la palla di pallavolo in quanto era motivo di gioco di squadra. Darei il titolo di “pallavolo che bello!” Ho molteplici ricordi di pomeriggi divertenti in cui il pallone era il protagonista. I miei 13 anni…spensieratezza, voglia di divertirmi, voglia di ridere e scherzare.

 
 SENZA PAROLE
   
     
     
     

 

 

 


   
     
     
     

 

 

 
samsung S3 neo rollerblade  
Figlio

Genitore

 

 
cover cellulare bicicletta   
Figlia Madre   

 

 

 

 

 

#navigation .menu { float: left;}

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. LEGGI INFORMATIVA

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi